I ♥ MONTECAMPIONE

Montecampion'è per sempre!

+Valli TV – SI SCIA CON IL CONTAGOCCE

| 0 commenti

Le stazioni sciistiche della Alpi centrali, con in testa quelle bresciane e bergamasche, si sono attrezzate per iniziare la stagione dello sci aprendo cancelli e cancelletti agli sci club della Fisi che, come previsto dal protocollo sottoscritto da Coni e Governo, in base all’ultimo DPCM. Maniva e Gaver, Val Palot, Monte Pora, Montecampione, Borno, Aprica, Ponte di Legno e Tonale hanno individuato le piste di allenamento servite da impianti di risalita dove gli sci club, su prenotazione con un numero minimo garantito di 60 atleti, possono allenarsi. Servono protocolli, procedure, certificazioni e figure professionali, quale quella dell’Allenatore federale aggiornato dalla Scuola tecnici federali, servono misure individuali e collettive, ma almeno, pur tra mille paletti, si può partire. E’ chiaro che per arrivare al numero minimo di sciatori atleti richiesti da una stazione sciistica gli Sci Club della Fisi con i loro atleti e allenatori devono consorziarsi e fare gruppo assieme. Se sul fronte tecnico-sportivo le cose iniziano a muoversi, è evidente che per le stazioni sciistiche si tratta di trovare, per questa fase caratterizzata solo da costi elevati senza ricavi, un aiuto economico: per questa ragione il Presidente della Fisi di Brescia ha scritto all’Assessore allo Sport di Regione Lombardia, all’Assessore al bilancio ed al sottosegretario alla Presidenza con la delega ai grandi eventi perché si trovino risorse per sostenere questo momento difficile in cui piste e impianti aprono agli sci club, ma non riescono a coprire le spese. Gli Sci club hanno a disposizione sia i documenti inviati dalla Fisi Brescia che le proposte delle stazioni sciistiche: tutti guardano con fiducia a giovedì 7 gennaio quando piste e impianti dovrebbero riaprire per tutti e finalmente la stagione sciistica potrebbe iniziare anche con le gare molto attese proprio da chi oggi si sta allenando.

Sorgente: +Valli TV – SI SCIA CON IL CONTAGOCCE


Lascia un commento