I ♥ MONTECAMPIONE

Montecampion'è per sempre!

News: Dal 101° articolo più recente pubblicato al 150°

05/08/2022He even surpassed Al Capone. He ended up in bed, in a pool of blood, dead. The fall of the idol Few fans care about the problems and failures of Jan Ullrich, Lance Armstrong also ended up in the dustbin of history. From the EPO days, only Marco Pantani, who strives to win in a similar way, still has his defenders, devoted admirers and whitewashing journalists. When his photos are posted on the fans’ Instagram account, the comments include declarations of love, assurances of his innocence and words of despair, because fans – after 18 years – have still not come to terms with his death. So they multiply conspiracy theories to explain its fall and end in a more accessible way. 79. Tour de Pologne Tour de Pologne Italians loved him. They needed an idol, and he had success, a spectacular style and personality – He cheated? And who was clean then? – Italians have been shrugging their shoulders for years when someone tries to crush his monument. The real one, standing in his hometown of Cesenatico, is visited by 50 thousand people every year. people. The same number of candles is lit on his grave. His countrymen still love him. Last year they collected 50 thousand. euro and erected another monument to him. The six-meter steel colossus stood at the iconic Plan di Montecampione ascent, where Pantani wrote one of the most epic cycling acts in 1998 at the Giro d’Italia, ahead of exhausted rivals in spectacular style. They captured it on the basis of a famous photograph – triumphant with outstretched hands and eyes directed towards the sky. In the mid-90s, Italians needed a great sports idol, and he had everything to make them fall in love with him: great results, great style, complicated character and personality. Wearing a bandana and earrings, he smiled from the covers, sang in San Remo and visited John Paul II. He has become a global cycling ambassador. When he got out of the saddle and rode away from his rivals, the fans stood up in front of the televisions with him. When he fell or collided with a car, they held their breath and then marveled at his returns. He was petite, but he did not bow to any slopes. He rode like Maradona dribbled. Boldly, spontaneously and without any calculations. The crazier the plan, the more willingly he implemented it. He always believed in his acceleration. – You do not even know how pleasant it is to pass all these competitors and watch them suffer – he said swaggeringly after the races, and the Italians sipped his words from his mouth. “I was an artisan, he was an artist,” admitted Armstrong ten years after his death. Premature, because the similarities to Maradona did not end with an extraordinary sports talent. They both fell in love with the Italians and got lost in the maze of life. They had not fans, but followers who could forgive them everything. And they had the same drug for fame – alcohol and drugs. They had met even a year before Pantani died. Maradona then ran away from addictions to Fidel Castro. Pantani was in Cuba with friends. He went to the La Pradera clinic and asked the doctors to tell Maradona that he wanted to see him. They talked. A few days after Pantani’s death, journalists placed Maradona on a microphone. – We knew each other. I got to know his story. When he won, everyone was close to him. When he was in trouble, everyone abandoned him. We are all to blame: me, his relatives, you – he addressed directly to the journalists around him. Marco Pantani ran away from people instead of the peloton Everything ends and begins on June 5, 1999. Marco is at the height of his fame. A year earlier, he won the Tour de France and the Giro d’Italia, and is now racing for another triumph at the Giro. He has a five-minute advantage. But in the morning the inspectors appear and randomly check a dozen or so cyclists. The bane of discipline is then erythropoietin (EPO). The auditors already know that all the leaders are cheering on this hormone, which improves the body’s efficiency and increases exercise capacity, but they do not have tests that could prove it. The gateway is to check your hematocrit level – the ratio of red blood cell volume to whole blood volume. If it exceeds 50 percent, the athlete may be suspended “for health purposes.” Pantani’s hematocrit is 52 percent. The confusion is enormous, but the law is absolute. Marco is suspended. He breaks the hotel window in anger. Blood is flooded all over the hand. But his followers do not believe it. A narrower plot, they suggest the participation of the mafia, which in the event of his victory would lose gigantic money in bookmakers’ bets. More rational people wonder how it is possible that the great master fell so easily. Matt Randell, Pantani’s biographer, found that the doctor of the Mercatone Uno-Bianchi team Pantani had ridden in the previous night had gone to a party, played all night and had not checked his results in the morning. However, the contestant himself probably drank enough water to distort the test and get the correct result. Except he was expecting the controllers around 6:30, and not more than an hour later. Time mattered. The great champion started to run away from people instead of the peloton. He has already participated in many accidents, on the route between Milan and Turin he collided with a car, but it was the fall of his legend that was the only one that he did not manage to recover from. He even cut himself off from his loved ones. Two hundred journalists camped outside his house, and he howled into his pillow. And only drugs gave him apparent relief. Pantani considered the removal from the race to be part of the conspiracy. He became suspicious, he felt under attack. Maybe the hunt was ordered by the mafia? Maybe the highest authorities? “I was abused by the media,” he said in an interview after returning to law enforcement. After ten days, he admitted to his mother that he had tried cocaine. Over time, the mixture of drugs and psychoactive substances became his favorite. But the others did not suspect anything for a long time, because his trained body camouflaged everything. Including depression. During this difficult time, Christina Jonsson was with him, a longtime partner whom he always cheated on and with whom he constantly argued. But she, too, was fed up with his drugs and hallucinations. The gigantic fame tormented him, but only the fall from the summit turned out to be fatal. After that story in 1999, he returned to sport, but not as before. In 2003, he finished the last Giro in his life, took 14th place, but the last streak of doping accusations took him away from his joy. Pantani never chased after popularity. And certainly not for that. He didn’t want to explain himself. “Eighty percent of people think I’m a cheat anyway and want to deprive me of what I’ve achieved,” he complained. He was quiet and shy. When he came to his mother’s queen for his first trainings, he was ashamed to overtake his friends. He was embarrassed by being first and stepping forward. It broke down over time, but as an adult, he still considered popularity a tax on winning. “I started for fun, but then cycling became my profession,” he said towards the end of his career. And life. The truth never got in the way of the narrative. Pantani’s followers refuse to believe in doping and suicide In the morning he called the reception of a secondary hotel in Rimini complaining about the noise behind the wall. The next room was empty, but Pantani could hear screams. He demanded that the police be called. He was also mentioned by local basketball players who had a pre-match training camp in the same hotel, that he would go out into the corridor and talk a lot. He was to doubt if “there was any tomorrow for him.” The next day, February 14, 2004, the cleaning lady was unable to open his room. The door appeared barricaded. Only in the evening, another hotel employee forcibly got inside. The room was demolished – mirror on the floor, broken air conditioning, sheet rolled up and tied to the railing, microwave oven torn from the cabinet. Furniture pushed against the door to act as a barricade. Medicine wrappers and cocaine marks everywhere. Behind the bed, in a pool of blood, him. An autopsy showed that his body contained large amounts of cocaine, psychoactive substances and alcohol. Investigators and doctors said he had attempted suicide by other means before he overdosed. But not everyone believed it. Tonina Pantani, the cyclist’s mother, argued from the very beginning that her son had been killed. She hired more experts to throw up stranger and more elaborate causes of death to the public, consistently claiming that the investigation was full of errors and omissions. For example, they claimed that someone had visited Pantani on the day of his death. In their opinion, there were three jackets in the wardrobe, although the cyclist was supposed to come to Rimini without a suitcase. Wounds and bruises on his body were supposed to indicate a beating. Investigators ruled out this version of events. They were also not convinced by the fact that in Pantani’s room the remains of Chinese cuisine were found, which the cyclist hated. Rendell, the author of the book, analyzed all the evidence and agreed with the investigators. But the truth never prevented Pantani’s followers from preaching their narrative about the murder. They even snapped up the testimony of Fabio Miradoss, his favorite dealer, who said to “La Repubblice”: – Pantani never snorted cocaine, he smoked it. Meanwhile, an autopsy showed otherwise. In addition, we agreed that Marco will have 20,000 with him. euro. The policemen did not find the money. Someone took them? Someone was in Pantani’s room? Someone killed him? It wasn’t suicide. Whoever faked them knew little about Marco. Even ten years after Pantani’s death, “La Gazzetta dello Sport”, the most widely read newspaper in Italy, reported on its cover: “Pantani was murdered”. This time she relied on the findings of Professor Francesco Avato, a specialist in forensics, who concluded that the concentration of drugs in Pantani’s body was so high that the cyclist had to drink cocaine dissolved in water. What – this is another version of the story – was someone to force him to do. In 2016, the third investigation into this case was definitively closed. Once again, no evidence of the involvement of other people was found. But Pantani’s followers have once again disregarded the investigators’ findings, just as they have downplayed his findings over the years, which clearly show that he too, like Ullrich and Armstrong, was doping. “People followed it because their emotions when they think of Pantani are also infected with certain chemicals,” said Rendell. Sorgente: He even surpassed Al Capone. He ended up in bed, in a pool of blood, dead. The fall of the idol | 247 News Agency [...] Leggi di più...
04/08/2022Gdy wstawał z siodełka i odjeżdżał rywalom, kibice wstawali razem z nim. Marco Pantani wiele razy boleśnie upadał, ale tylko raz się nie pozbierał. Dopingowa wpadka była początkiem końca. Badało ją ośmiu prokuratorów. Nawet Al Capone nie cieszył się taką uwagą wymiaru sprawiedliwości. Ale zdaniem wielu Pantani i tak zabrał do grobu dwie tajemnice: swoich sukcesów i swojej śmierci. Niewielu kibiców obchodzą problemy i życiowe upadki Jana Ullricha, na śmietniku historii wylądował też Lance Armstrong. Z czasów “EPOki” tylko Marco Pantani, dążący do zwycięstw w podobny sposób, wciąż ma swoich obrońców, oddanych wielbicieli i wybielających go dziennikarzy. Gdy na prowadzonym przez kibiców instagramowym koncie lądują jego zdjęcia, w komentarzach pojawiają się wyznania miłości, zapewnienia o jego niewinności i słowa rozpaczy, bo fani – po 18 latach – nadal nie pogodzili się z jego śmiercią. Mnożą więc spiskowe teorie, by w przystępniejszy sposób wytłumaczyć jego upadek i koniec. Zobacz wideo Straszny wypadek na Tour de Pologne. “Widziałem mnóstwo krwi na asfalcie” Włosi go kochali. Potrzebowali idola, a on miał sukcesy, spektakularny styl i osobowość Oszukiwał? A kto wtedy był czysty? – Włosi od lat wzruszają ramionami, gdy ktoś próbuje skruszyć jego pomnik. Ten prawdziwy, stojący w rodzinnym Cesenatico, rocznie odwiedza 50 tys. osób. Drugie tyle zapala znicze na jego grobie. Rodacy wciąż go kochają. W zeszłym roku uzbierali 50 tys. euro i postawili mu kolejny pomnik. Sześciometrowy, stalowy kolos stanął przy ikonicznym podjeździe Plan di Montecampione, gdzie Pantani w 1998 r. w Giro d’Italia napisał jeden z najbardziej epickich aktów kolarstwa, w spektakularnym stylu wyprzedzając wycieńczonych rywali. Uwiecznili go na podstawie słynnej fotografii – triumfującego z rozłożonymi rękami i wzrokiem skierowanym ku niebu. W połowie lat 90. Włosi potrzebowali wielkiego sportowego idola, a on miał wszystko, by ich w sobie rozkochać: świetne wyniki, wspaniały styl, skomplikowany charakter i osobowość. W bandance i kolczykach uśmiechał się z okładek, śpiewał w San Remo i gościł u Jana Pawła II. Stał się globalnym ambasadorem kolarstwa. Gdy wstawał z siodełka i odjeżdżał rywalom, kibice wstawali przed telewizorami razem z nim. Gdy upadał albo zderzał się z samochodem, wstrzymywali oddech, a później zachwycali się jego powrotami. Był filigranowy, ale nie kłaniał się żadnym wzniesieniom. Jeździł tak, jak Maradona dryblował. Odważnie, spontanicznie i bez żadnych kalkulacji. Im bardziej zwariowany plan, tym chętniej go wdrażał. Zawsze wierzył w swoje przyspieszenie. – Nawet nie wiecie, jak przyjemnie jest mijać tych wszystkich zawodników i patrzeć na ich cierpienie – mówił buńczucznie po wyścigach, a Włosi spijali mu z ust. – Ja byłem rzemieślnikiem, on artystą – przyznał Armstrong dziesięć lat po jego śmierci. Przedwczesnej, bo podobieństwa do Maradony nie kończyły się na niezwykłym sportowym talencie. Obaj rozkochali Włochów i pogubili się w życiowym labiryncie. Mieli nie kibiców, ale wyznawców, którzy potrafili im wszystko wybaczyć. I mieli ten sam lek na sławę – alkohol oraz narkotyki. Spotkali się nawet rok przed śmiercią Pantaniego. Maradona uciekał wtedy przed nałogami do Fidela Castro. Pantani przebywał na Kubie ze znajomymi. Poszedł do kliniki La Pradera i poprosił lekarzy, by przekazali Maradonie, że chce się z nim spotkać. Porozmawiali. Kilka dni po śmierci Pantaniego dziennikarze podstawili Maradonie mikrofon. – Znaliśmy się. Poznałem jego historię. Kiedy wygrywał, wszyscy byli blisko niego. Gdy miał kłopoty, wszyscy go porzucili. Wszyscy jesteśmy winni: ja, jego bliscy, wy – zwrócił się bezpośrednio do otaczających go dziennikarzy. Marco Pantani zamiast przed peletonem, uciekał przed ludźmi Wszystko kończy się i zaczyna 5 czerwca 1999 roku. Marco jest u szczytu sławy. Rok wcześniej wygrywa Tour de France i Giro d’Italia, a teraz pędzi po kolejny triumf w Giro. Ma pięć minut przewagi. Ale nad ranem pojawiają się kontrolerzy i wyrywkowo badają kilkunastu kolarzy. Zmorą dyscypliny jest wtedy erytropoetyna (EPO). Kontrolerzy wiedzą już, że cała czołówka dopinguje się tym hormonem, który poprawia wydolność organizmu i podnosi możliwości wysiłkowe, ale nie mają jeszcze testów, które mogłyby to udowodnić. Furtką jest sprawdzenie poziomu hematokrytu – stosunku objętości erytrocytów do objętości pełnej krwi. Jeśli przekroczy 50 procent, można zawiesić sportowca “w celach zdrowotnych”. Hematokryt Pantaniego wynosi 52 procent. Zamieszanie jest olbrzymie, ale prawo – bezwzględne. Marco zostaje zawieszony. Ze złości rozbija okno w hotelu. Całą dłoń zalewa krew. Ale jego wyznawcy nie dowierzają. Węszą spisek, sugerują udział mafii, która w przypadku jego zwycięstwa miałaby stracić w zakładach bukmacherskich gigantyczne pieniądze. Co bardziej racjonalni zastanawiają się, jak to możliwe, że wielki mistrz wpadł w tak łatwy sposób. Matt Randell, biograf Pantaniego, ustalił, że poprzedniego wieczoru lekarz zespołu Mercatone Uno-Bianchi, w którym jeździł Pantani, poszedł na imprezę, bawił się całą noc i rano nie skontrolował jego wyników. Sam zawodnik prawdopodobnie wypił jednak odpowiednio dużo wody, by zniekształcić badanie i uzyskać prawidłowy wynik. Tyle że spodziewał się kontrolerów około 6:30, a nie przeszło godzinę później. Czas miał znaczenie. Wielki mistrz zamiast przed peletonem, zaczął uciekać przed ludźmi. Uczestniczył już w wielu kraksach, na trasie między Mediolanem a Turynem zderzył się z samochodem, ale to upadek jego legendy był jedynym, po którym nie zdołał się pozbierać. Odciął się nawet od najbliższych. Dwustu dziennikarzy koczowało przed jego domem, a on wył w poduszkę. I tylko narkotyki dawały mu pozorne ukojenie. Pantani uznał odsunięcie od wyścigu za część spisku. Stał się podejrzliwy, czuł się atakowany. Może nagonkę zleciła mafia? Może najwyższe władze? “Byłem medialnie sponiewierany” – stwierdził w wywiadzie po powrocie do ścigania. Po dziesięciu dniach przyznał matce, że spróbował kokainy. Z czasem mieszanka narkotyków i środków psychoaktywnych stała się jego ulubioną. Ale pozostali długo niczego nie podejrzewali, bo jego wytrenowane ciało wszystko kamuflowało. Z depresją włącznie. W tym trudnym czasie była z nim Christina Jonsson, wieloletnia partnerka, którą wiecznie zdradzał i z którą nieustannie się kłócił. Ale i ona w końcu miała dość jego ćpania i halucynacji. Gigantyczna sława go męczyła, ale dopiero upadek ze szczytu okazał się śmiertelny. Po tamtej historii z 1999 roku wrócił co prawda do sportu, ale nie taki, jak wcześniej. W 2003 ukończył ostatnie Giro w życiu, zajął 14. miejsce, jednak resztki radości odbierała mu ciągnąca się za nim smuga dopingowych oskarżeń. Pantani nigdy nie gonił za popularnością. A już na pewno nie za taką. Nie chciał się tłumaczyć. – 80 procent ludzi i tak ma mnie za oszusta i chce pozbawić wszystkiego, co osiągnąłem – żalił się. Był cichy i nieśmiały. Gdy przyjeżdżał na damce swojej mamy na pierwsze treningi, wstydził się wyprzedzać kolegów. Peszyło go bycie pierwszym i wychodzenie przed szereg. Z czasem się przełamał, ale w dorosłym życiu wciąż uznawał popularność za podatek od wygrywania. – Zacząłem dla zabawy, ale później kolarstwo stało się moim zawodem – stwierdził pod koniec kariery. I życia. Prawda nigdy nie przeszkodziła w narracji. Wyznawcy Pantaniego nie chcą uwierzyć w doping i samobójstwo Przed południem dzwonił do recepcji podrzędnego hotelu w Rimini ze skargą na hałasy zza ściany. Pokój obok był pusty, ale Pantani słyszał krzyki. Żądał, by wezwać policję. Wspominali go też miejscowi koszykarze, którzy mieli przedmeczowe zgrupowanie w tym samym hotelu, że wychodził na korytarz i gadał od rzeczy. Miał wątpić, czy “jest dla niego jakieś jutro”. Następnego dnia, 14 lutego 2004 r., sprzątaczka nie mogła otworzyć jego pokoju. Drzwi wydawały się zabarykadowane. Dopiero wieczorem inny pracownik hotelu siłą dostał się do środka. Pokój był zdemolowany – lustro na podłodze, zniszczona klimatyzacja, prześcieradło zwinięte i przywiązane do poręczy, mikrofalówka wyrwana z zabudowy. Meble zepchnięte pod drzwi, by stanowiły barykadę. Wszędzie opakowania po lekach i ślady po kokainie. Za łóżkiem, w kałuży krwi, on. Sekcja zwłok wykazała w jego organizmie obecność dużej ilości kokainy, środków psychoaktywnych i alkoholu. Śledczy i lekarze stwierdzili, że zanim przedawkował, próbował popełnić samobójstwo w inny sposób. Ale nie wszyscy w to uwierzyli. Tonina Pantani, matka kolarza, od początku przekonywała, że jej syn został zabity. Zatrudniała kolejnych ekspertów, którzy podrzucali opinii publicznej coraz dziwniejsze i bardziej wyszukane przyczyny śmierci, niezmiennie utrzymując, że śledztwo było pełne błędów i zaniedbań. Twierdzili na przykład, że w dniu śmierci ktoś odwiedził Pantaniego. Ich zdaniem w szafie znajdowały się trzy kurtki, choć kolarz miał przyjechać do Rimini bez walizki. Rany i siniaki na jego ciele miały świadczyć o pobiciu. Śledczy wykluczyli taką wersję wydarzeń. Nie przekonało ich też to, że w pokoju Pantaniego znaleziono resztki potrawy z kuchni chińskiej, której kolarz nie znosił. Rendell, autor książki, przeanalizował cały materiał dowodowy i przyznał rację śledczym. Ale prawda nigdy nie przeszkodziła wyznawcom Pantaniego w głoszeniu narracji o zabójstwie. Chwytali się nawet zeznań Fabio Miradossa, dilera swojego ulubieńca, który powiedział “La Repubblice”: – Pantani nigdy nie wciągał kokainy, on ją palił. Tymczasem sekcja zwłok wykazała coś innego. Poza tym, umówiliśmy się, że Marco będzie miał przy sobie 20 tys. euro. Policjanci nie znaleźli tych pieniędzy. Ktoś je zabrał? Ktoś był w pokoju Pantaniego? Ktoś go zabił? To nie było samobójstwo. Ktokolwiek je upozorował, niewiele wiedział o Marco. Nawet dziesięć lat po śmierci Pantaniego “La Gazzetta dello Sport”, najbardziej poczytna gazeta we Włoszech, poinformowała na okładce: “Pantani został zamordowany”. Tym razem oparła się o ustalenia profesora Francesco Avato, specjalisty w zakresie medycyny sądowej, który uznał, że stężenie narkotyków w organizmie Pantaniego było tak wysokie, że kolarz musiał wypić kokainę rozpuszczoną w wodzie. Do czego – to już kolejna wersja tej historii – ktoś miał go zmusić. W 2016 roku definitywnie zakończono trzecie śledztwo w tej sprawie. Kolejny raz nie znaleziono żadnych dowodów na udział innych osób. Ale wyznawcy Pantaniego znów zlekceważyli ustalenia śledczych, podobnie jak przez lata bagatelizują wyniki jego badań, które jasno wskazują, że też – jak Ullrich i Armstrong – stosował doping. “Ludzie podążyli za tym, bo ich emocje, gdy myślą o Pantanim, też są zainfekowane pewnymi chemikaliami” – stwierdził Rendell. Dawid Szymczak Altre informazioni e video al link della sorgente: Sport.pl [...] Leggi di più...
02/08/2022Archiviata la delibera della Regione che ne approva contenuti e finanziamento, ora è il momento degli atti formali legati al Patto territoriale per lo sviluppo di Montecampione. Dopo la firma del 7 luglio dei sindaci e del presidente Attilio Fontana, anche ai consigli comunali di Artogne, Pian Camuno, Gianico, Darfo Boario e Rogno è stato chiesto di provvedere alla ratifica dell’accordo con palazzo Lombardia.Un’intesa che consentirà di investire oltre 13 milioni di euro per ridare nuova vita a tre seggiovie, la Dosso Beccherie (per 4 milioni e 926 mila euro), la Secondino – Splaza (4.668.250 euro) e la Longarino – Splaza (3.570.900 euro).Tutto bene? Non tutto.Se negli altri enti non si sono registrati particolari distinguo, nel consiglio comunale di Artogne i due gruppi di minoranza hanno evidenziato alcuni problemi legati alla parte dell’investimento che dovrebbe gravare su Artogne e sulla Comunità montana. Mattia Conti, Cristina Sterni, Betty Domestici e Federica Peluchetti hanno chiesto chiarimenti a proposito della quota del 21,5% che Artogne dovrebbe garantire con risorse proprie, visto che nel Patto territoriale si parla di un mutuo trentennale. Verrà trovata con un projet financing, è stata la risposta, altrimenti bisognerà rivalutare la questione. Se tutti si sono detti d’accordo sul fatto che si debba operare per far rinascere la stazione turistica, gli interrogativi non sono mancati: come farà il Comune a prendere in carico gli impianti sui quali interviene il Patto territoriale? C’è già un accordo con Montecampione Ski area che a oggi ne è proprietaria? E se non si trovasse il privato disposto a contribuire che cosa succederà, chi coprirà la cifra restante? Hanno provato a rassicurare tutti sindaca e maggioranza, affermando che la strada è sì difficile, ma non per questo impercorribile. «Confidiamo che a fronte dell’appoggio degli enti pubblici anche i privati siano stimolati a partecipare – hanno detto Barbara Bonicelli e i suoi -.Stiamo creando le condizioni per guardare al futuro di Montecampione con più tranquillità». Certo le tessere del puzzle che devono combaciare sono molte. Tra le criticità che nello schema di Patto vengono addebitate al comprensorio c’è la rinascita degli alberghi, l’estensione dell’innevamento artificiale, l’intervento sull’intero comparto delle funivie, il potenziamento dei servizi legati al ristoro sule piste, il rimodellamento dei tracciati per ridurre il mano nevoso necessario a sciare, l’offerta rivolta ai principianti e ai non sciatori.Almeno per la viabilità da quota 1.200 al Plan l’operazione è in corso, per il resto serviranno tempo e fiducia. Domenico Benzoni Sorgente: Montecampione, sarà un rilancio complesso | Bresciaoggi   [...] Leggi di più...
02/08/2022Non chiudiamo per Ferie! Agosto. E noi di MilanoTeatri non andiamo in vacanza e vi invitiamo ad Andare a Teatro grazie agli amici del Circuito CLAPS e la seconda edizione di SummerCLAPS. Partiamo subito trasferendoci a Gradella, una frazione del comune di Pandino, in provincia di Cremona, facente parte dell’associazione de I borghi più belli d’Italia per… IL BORGO DEI DESIDERI: LA NOTTE DI SAN LORENZO 10 agosto ore21 – Gradella (Pandino, CR) ON THE ROAD | Artemakia On the road mette al centro il desiderio e il coraggio di viaggiare per liberarsi dai condizionamenti della vita quotidiana e ascoltare finalmente la parte più libera e autentica di sé. A farlo sono cinque personaggi che in equilibrio fra circo e teatro intraprendono un viaggio alla ricerca di se stessi e condividono con il pubblico le loro emozioni, convinti che la felicità sia un progetto collettivo. L’11 di agosto andiamo a Montecampione (BS) con due imperdibili appuntamenti grazie a StradArte: ore 18 A RUOTA LIBERA – i4elementi Teatro Uno show comico ad alto livello di stupidità adatto a un pubblico intelligente! ore 21 STRADE POETICHE – Rusty Brass Band Uno spettacolo nel quale la musica è protagonista, con un ensemble di simpaticissimi ottoni e incredibili percussioni. Dalle sonorità jazz allo swing, da cover a motivi completamente nuovi, i giovani ma talentuosi musicisti delizieranno il pubblico in un originale giro di Montecampione! CIRCUITO CONTEMPORANEO 19 agosto ore 21 – Terrazzo Santuario di Carpenedolo 20 agosto ore 21 – Valle delle Cartiere di Toscolano Maderno UN VIAGGIO SULLA LUNA – Orlando Furioso (Chronos3) “Che cosa significa oggi perdere il senno e partire per un viaggio sulla luna per ricercarlo?” Un viaggio nell’anima dell’uomo, attraverso i vizi e le virtù umane. 25 agosto ore 21 – Parco Bernini di Toscolano Maderno (BS) FIABE AL PARCO Le sorelle Van Stories – Fondazione Aida (dai 3 anni) Due sorelle opposte: una più avventurosa e l’altra più precisa, scienziata. La loro missione è girare il mondo alla ricerca della fiaba perfetta! Quando si fermano in un posto raccontano tutte le fiabe ascoltate, lette, vissute fino a quel momento e poi… vengono scelte e (per chi vuole) raccontate dagli spettatori. Un viaggio in tutto il mondo attraverso le fiabe di ogni Paese. Buona visione!   Noi di MilanoTeatri vi abbiamo selezionato un paio di eventi, giusto per stuzzicare la vostra fantasia. Voi consultate l’elenco completo degli appuntamenti e l’acquisto dei biglietti sul sito: www.claps.lombardia.it Per informazioni e prenotazioni: segreteria@claps.lombardia.it / 030 8084751 FB @clapscircuito IG @circuito_claps Mi raccomando Andate a Teatro o meglio Andate al Festival quello di SummerCLAPS. Altre informazioni al link della sorgente: Andate a Teatro – Speciale SummerCLAPS (parte 2) – MilanoTeatri   [...] Leggi di più...
31/07/2022Guardate il servizio su +ValliTV: in esso trovate recentissime interviste effettuate a Montecampione! Francesco Bettoni, commercialista camuno con un avvisto prestigioso studio a Costa Volpino, manager, dirigente d’azienda, esperto finanziario, con un passato di 6 anni di ottima Presidenza del Comitato provinciale Fisi di Brescia, ha deciso di spendersi maggiormente per la Federazione italiana Sport invernali, anche alla luce del grande evento olimpico di Milano-Torino 2026. E lo fa chiedendo a Sci club e Comitati regionali di sostenerlo nella elezione a consigliere federale nazionale, per poter dare maggior contributo di idee e programmi allo sci italiano di cui è appassionato praticante, oltre che ottimo dirigente, come dimostrano i dati della Fisi Brescia, tutti in controtendenza più che positiva rispetto al calo nazionale e regionale. L’Assemblea per l’elezione del Presidente e del Consiglio federale si terrà dunque a ottobre. In queste settimane Francesco Bettoni dovrà incontrare le società dei comitati regionali, ascoltare richieste, consigli, critiche e proposte, cogliere gli umori della base associativa, dei tecnici, delle famiglie e proporre il suo programma. Sarebbe la prima volta nella storia federale di un camuno che entra a pieno titolo nel Consiglio federale nazionale. Si tratta di un percorso non facile, ma il pedigree di Francesco Bettoni è tale da consentirgli di avere tutte le carte in regola. Francesco Gheza Sorgente: +Valli TV – FRANCESCO BETTONI DA BRESCIA AL NAZIONALE   [...] Leggi di più...
30/07/2022La parola d’ordine è destagionalizzare: un imperativo per le stazioni turistiche nate sostanzialmente come «invernali» e poi costrette a confrontarsi, soprattutto se collocate a quote relativamente basse, con un cambiamento climatico che sta prosciugando il pianeta e togliendo sempre più materia prima allo sci. Molti hanno già preso questa strada, e nell’elenco – non da oggi – c’è anche Montecampione, dove hanno fatto fare un importante balzo in avanti alla promozione del turismo più o meno «atletico» creando una grande connessione di percorsi che lega tre Comuni della bassa Valcamonica e uno dell’alta Valtrompia.La novità è racchiusa nel tour battezzato «Giro del Campione» che lega la voglia e la possibilità di divertirsi pedalando e camminando in montagna restando connessi alla stazione turistica.Si tratta di un itinerario proposto ai tanti praticanti del trekking, del trail e della mountain bike definito di recente dall’associazione Vertical Monte e dal Consorzio dei residenti con l’obiettivo di «rispondere alle aspettative degli appassionati di queste attività e valorizzare il territorio della bassa Valcamonica».In pratica sono stati messi in connessione diversi sentieri già esistenti tra Montecampione, il Plan di Bassinale e la Val Negra. Un percorso multiplo che si snoda tra boschi cedui, abetaie selvagge, pascoli e creste fino alla colma del Marucolo, con salite e discese buone per chi ha nervi saldi e gambe buone. Un grande anello che come detto insiste sul territorio di tre Comuni: Artogne, Gianico e Pian Camuno, e che nella parte più alta va a sfiorare anche il valtrumplino Bovegno. Non resta che provarlo, e la giornata inaugurale è in calendario per domani, con attività promozionali legate anche ai rifugi presenti sul tracciato. L’iscrizione per partecipare all’inaugurazione del «Giro del Campione» è gratuita: basta una semplice telefonala al numero 0364 560188. Per quanto riguarda le possibilità offerte nel giorno dell’inaugurazione, ogni partecipante potrà decidere scegliendo tra due percorsi di trekking, uno che parte da Prato Secondino e raggiunge Dosso Rotondo e un altro che dal Plan prende la direzione opposta, verso il rifugio Monte Cimosco. Agli appassionati di mountain bike è invece riservata una escursione esclusiva, mentre chi ama la corsa a piedi in ambiente naturale (trail running) potrà percorrere l’intero anello.Per i partecipanti non ci saranno neppure problemi di trasporto e di parcheggio, perché l’organizzazione, per favorire sia gli appassionati, sia chiunque in questo periodo sta godendo della frescura di Montecampione, metterà a disposizione per l’occasione un servizio di trasporto che partirà alle 8,30 dal residence La Splaza e consente di raggiungere la località Secondino a quota 1.450, oppure il Plan a 1.750 metri, e da qui imboccare il percorso prescelto. Domenico Benzoni Sorgente: In bici o a passo di corsa sul «Giro del Campione» | Bresciaoggi   [...] Leggi di più...
29/07/2022Certo, non hanno cancellato i segni di un’estate da togliere il fiato, ma le piogge dei giorni scorsi hanno comunque concesso un sospiro di sollievo ai laghi bresciani: i livelli lentamente si stanno rialzando e, nelle zone più critiche, si sta valutando di concedere più acqua all’agricoltura. Lo fa sapere l’assessore regionale Fabio Rolfi: «C’è stata una conferenza di servizi tecnica per il lago d’Idro che, però, si è conclusa con un nulla di fatto. Ora la valutazione spetta all’Aipo – spiega -. Capisco che non sia una scelta semplice: in gioco, quando si parla di livelli, ci sono molti interessi, come quello turistico, ambientale, agricolo, della navigazione… Però il recente abbassamento di 50 centimetri ha dimostrato che il lago non è stato sconvolto. E l’agricoltura ha bisogno di acqua per recuperare, almeno in parte, quanto perso seminando, se possibile, un secondo raccolto. Spero che nella valutazione prevalga il buon senso e l’esigenza prioritaria di garantire la produzione agricola ossia il cibo». L’Eridio, ricordiamo, ha chiuso i rubinetti domenica 17 luglio. In questi giorni, più lentamente rispetto al previsto, è tornato al livello minimo (367,2 metri slm); l’afflusso è di 17,5 metri cubi al secondo; costante e molto basso (5 mc/s) il deflusso verso il Chiese. Anche il Garda, grazie alle piogge e alla decisione di dimezzare il deflusso, ha visto aumentare di un centimetro in un giorno il proprio livello, ora a quota 39,5 cm. Quanto al lago d’Iseo, da venerdì a ieri si è passati da -23,1 a -22,8 cm. L’altezza idrometrica del bacino, insomma, resta bassa se si considera che la media del periodo è 59,9 cm, ma il record rimane quello registrato nel 1945 (-56 cm). Oglio «Le piogge hanno dato respiro alla colture – commenta Luigi Ferrari, presidente del Parco Oglio Nord nonché agricoltore -. La maturazione del mais è avanti di 10-15 giorni: ci stiamo avvicinando alla fine del ciclo, la pianta necessita di meno acqua e alcuni agricoltori sono già alle prese con la trinciatura. Il periodo critico, insomma, sta passando. Nella Bassa la zona più colpita da questa estate siccitosa è quella di Trenzano e Cossirano verso Rovato. Per il resto, anche grazie alla pioggia, si respira speranza». Nel Sebino entra più acqua di quanta ne esce: l’afflusso è 40,7 mc/s, il deflusso 27,4 mc/s. E l’Oglio è in deroga fino al 12 agosto alla metà del deflusso (3,3 mc/s). Invasi alpini «La situazione sul Garda è positiva – sintetizza l’assessore all’Agricoltura Rolfi – e il lago sta ancora alimentando il Po. Il Sebino, invece, sta garantendo acqua ai Consorzi di bonifica grazie ai rilasci dagli invasi alpini. Questo fatto dimostra l’importanza di conservare l’acqua e porta all’attenzione il tema delle cave dismesse. Tornando all’Eridio, il lago risente della mancanza di lavori di messa in sicurezza delle sponde, e, circa il da farsi, spero prevalga il buon senso e si tengano in considerazione le esigenze dei campi». Ora, per vedere altre piogge, dovremo aspettare almeno fino a venerdì. A riferirlo è Riccardo Paroni, esperto di Meteopassione: «È previsto caldo in aumento da mercoledì: si potrebbero toccare i 35-36 gradi, senza arrivare ai 38 registrati in questo secco luglio. L’ondata di calore non dovrebbe comunque essere paragonabile, per durata e intensità, a quella che ha accompagnato quasi tutto il mese». Le piogge, concentrate nei giorni scorsi, hanno interessato soprattutto le valli: «Eccezionale è stato l’evento di Niardo (186 mm la notte del disastro, 291 mm in tutto luglio), a Montecampione in un mese sono caduti 86 mm d’acqua – conclude -, a Sellero 63, a Losine, vicino a Niardo, 40, a Toscolano Maderno 33, a Mompiano 25 e a Leno 20». Barbara Bertocchi Sorgente: La pioggia disseta i laghi bresciani: si valuta di dare più acqua ai campi – Giornale di Brescia   [...] Leggi di più...
29/07/2022Montecampione – Il Consorzio Montecampione ha predisposto un calendario di presenza di personale qualificato presso l’Ambulatorio alla Splaza. In forma privata, in collaborazione con lo Studio Sanitario Le Valli, è stata concordata la presenza alternata di medico ed infermiera, come da seguente calendario in vigore dal 1° di agosto: –    LUNEDI: 8.30 – 12.30 presenza Medico (no il 15/08); –    MARTEDI: 14.00 – 18.00 presenza Infermiera; –    MERCOLEDI: 14.00 – 18.00 presenza Infermiera (eccetto 24/08 solo pomeriggio); –    GIOVEDI: 8.30 – 12.30 presenza Medico (eccetto 18/08 infermiera 8.30-12.30 e 14.00-18.00); –    VENERDI: 8.30 – 12.30 presenza Medico (eccetto 19/08 infermiera 8.30-12.30); –    SABATO: Infermiera 8.30-12.30 Da qui è possibile scaricare il calendario completo. Trattandosi si servizio privato, il medico non sarà in grado di rilasciare ricette mediche mutuabili. Le indicazioni in caso di necessità medico sanitarie: SERVIZIO DI CONTINUITÀ ASSISTENZIALE  116117 per i periodi dalle ore 20 alle ore 8 di tutti i giorni della settimana; dalle ore 8 alle ore 20 del sabato e dei giorni prefestivi infrasettimanali; dalle ore 8 alle ore 20 della domenica e dei giorni festivi infrasettimanali. OSPEDALE DI ESINE (CENTRALINO)  0364/3691 EMERGENZE (ambulanza)  112 *** RICETTE MEDICHE Per la RIPETIZIONE DI RICETTE contattare il proprio medico di famiglia affinché prescriva in forma elettronica e comunichi il relativo Numero di Ricetta Elettronica (NRE); successivamente recarsi in farmacia con la Tessera Sanitaria e il NRE; il farmacista gestirà la prescrizione ed erogherà i farmaci. *** SPORTELLO FARMACEUTICO FARMACIA MONTECAMPIONE                0364/560444 aperta nei giorni di martedì, giovedì, venerdì e domenica 9.00 – 12.30 sabato 15.00 – 18.00 FARMACIA PIAN CAMUNO                    0364/591490 Sorgente: Montecampione, ambulatorio: orari e calendario apertura ad agosto | Gazzetta delle Valli News dalle Valli Lombarde e Trentine   [...] Leggi di più...
28/07/2022El colombiano Nairo Quintana (Movistar), líder del Giro de Italia, declaró que la supuesta neutralización de la bajada del Stelvio, en la etapa de ayer, carece de base real y considera que sería “una injusticia” si le restaran el tiempo ganado en ese tramo. “Han montado una historia sin base real. ¿Quitarme una ventaja que yo he conseguido en la ruta? Sería una injusticia. La organización ha dicho que la carrera nunca estuvo neutralizada. Mi equipo me dijo que continuara, había corredores que ya estaban delante. No entiendo la polémica”, afirmó. Quintana subrayó que obtuvo “lo esencial de la diferencia en el ascenso” y comentó que el incidente le sabe mal por sus compañeros. “Han trabajado mucho para que yo llevara la maglia rosa. Sería una injusticia que me quitaran el tiempo”, dijo. El colombiano aseguró que hoy fue un día “relativamente tranquilo” y apuntó que, por el momento, sólo piensa en defender la maglia rosa. “Ha sido un día relativamente tranquilo”, afirmó. “Las dos primeras horas han sido muy rápidas porque todo el mundo sabía que íbamos a dejar una fuga, pero una vez que se ha hecho la escapada, la parte final ha sido muy tranquila gracias a mi equipo, que ha controlado toda la etapa”. Quintana se mostró optimista para los próximos días: “Quedan estas etapas de montaña, que son más acordes a mi perfil de corredor. Espero estar a la altura y estar donde debe estar un líder. ¿Atacar? De momento pienso en defenderme y si surge la ocasión tratar de aumentar las diferencias; pero ahora el objetivo es defender”. “Creo que he demostrado mi nivel, no sólo ayer. En Oropa fui el mejor de lo favoritos pese a estar enfermo; en Montecampione sólo me ganó (Fabio) Aru. Mis rivales seguro que pensarán en atacarme y claro que puede haber alianzas y habrá que estar atento a ello, pero confío mucho en mi equipo. Todavía estamos los nueve corredores y después de los problemas que tuvimos, ahora nos encontramos perfectamente”, concluyó en un comunicado del equipo. EFE Sorgente: Quintana: “Han montado una historia sin base real”   [...] Leggi di più...
21/07/2022FANCHINI SABRINA – SCIATRICE Sabrina Fanchini, sorella di Nadia e Elena, nasce a Lovere, da famiglia che abita a Montecampione di Artogne, il 17 agosto del 1988 da Sandro e da Giusy Alessi. Frequenta la scuola elementare a Vissone di Pian Camuno e le scuole medie inferiori presso la “Fratelli Rosselli” di Artogne. Anche lei come le due sorelle maggiori si iscrive al primo anno di Geometri presso l’Istituto “Teresio Olivelli” di Darfo B. T. In seguito, per esigenze di allenamenti, opta per il Liceo Scientifico della Neve a Clusone, che frequenta per un biennio. Dal 2003 è componente della squadra del Comitato Alpi Centrali di Sci Alpino. Vale per lei il discorso delle sorelle maggiori. Fin da giovanissima ha messo gli sci ai piedi e da subito ne è emersa la personale vivacità e bravura che le ha fatto inanellare diversi risultati anche in campo internazionale. Nell’ambiente del “Circo Bianco” è ritenuta una speranza per il futuro agonistico e gli addetti ai lavori ne ipotizzano, quanto meno, la capacità di ripercorrere la strada di Elena e Nadia. Nel 2005 fa il suo esordio in Coppa Europa ottenendo lusinghieri risultati. Nel 2006 diventa Campionessa Regionale nelle discipline Slalom, Slalom Gigante, Super G e Discesa Libera. E’ appassionata di musica leggera, in particolare stravede per Vasco Rossi, impegno che alterna, quando è lontana dagli allenamenti, con il piacere di scorrazzare con la motocicletta. Abita a Monte Campione in Via S. Maurizio, 21 QUESTIONARIO. Interessi: musica, motori, cinema. Tempo libero: in giro con gli amici, ginnastica. Artista preferito: Vasco Rossi. Libro: “Primi e Centesimi” di K. Ghedina. Trasmissione tv e radio: Le Iene, Radio Valle. Personaggio nella storia: Giovanni Paolo II. Della cultura: Dante Alighieri. Della politica italiana: Umberto Bossi. Della politica mondiale: Nelson Mandela. Dello sport: Hermann Mayer. Dello spettacolo: Vasco Rossi. Eroe da bambina: Vasco e Mayer. Personaggio di riferimento: Hermann Mayer, Vasco Rossi, le sue sorelle. Quotidiano preferito: La Gazzetta dello Sport. Dove trascorre le ferie: al mare e Amsterdam. Sogno: sogna tanto. Sport e hobby: sci, calcio, macchine e moto. Sorgente: I personaggi della Valle Camonica [...] Leggi di più...
18/07/2022Ora i numerosi marinai camuno-sebini, ma non solo, avranno un motivo in più per recarsi a Montecampione per rendere omaggio al monumento in onore di tutti i Caduti del mare, tra cui molti di questo territorio, realizzato grazie ad un marinaio eccellente, il capitano di fegata Harry Alberto Monducci, che da La Spezie si è trasferito stabilmente a Montecampione. Alla cerimonia era presente la Banda militare della Marina militare del Comando Marittimo Nord-La Spezia, diretta dal maestro Vito Ventre, I° Luogotenente, che ha suonato l’Inno della Marina italiana e la Canzone del Piave per la deposizione della corona al monumento, realizzato accanto a quello che gli Alpini di Vissone hanno creato nel 2019. La presenza di Monumenti in ricordo dei Caduti su un territorio segnano un forte attaccamento alle radici storiche e culturali di quella parte di popolazione. E dunque, un monumento fa parte della comunità ed è esso stesso segno di presenza civica, quindi di paese, come sta accadendo ogni giorni di più anche per Montecampione. La cerimonia civile ha avuto poi un coronamento speciale con il magnifico concerto offerto dalla Banda militare della Marina nella Piazzetta di Montecampione, grande auditorium a cielo aperto, con un programma che ha spaziato dai tradizionali inni, tra cui il famoso “33 Valore Alpino” eseguito in onore degli Alpini del territorio, fino al jazz, alle arie d’opera ed alle eleganti rielaborazioni di brani di musica leggera. Il pubblico ha tributato un pieno successo. Francesco Gheza Sorgente: +Valli TV – MONTECAMPIONE ONORA I MARINAI   [...] Leggi di più...
18/07/2022L’INAUGURAZIONE DEL MONUMENTO DEDICATO AI MARINAI CADUTI DELLA VALLECAMONICA E D’ITALIA DURANTE LA PRIMA E SECONDA GUERRA MONDIALE INEDITO E SPAZIALE CONCERTO DELLA FANFARA DI PRESIDIO DEL COMANDO MILITARE MARITTIMO NORD DI LA SPEZIA Weekend in bianco e blu ricco di emozioni e rilevanza a Montecampione Una delle più belle località turistiche montane con una terrazza panoramica naturale e affascinante sul Lago d ‘Iseo, ha ospitato sabato 16 luglio 2022, due eventi prestigiosi ed importanti, emotivi e di carattere molto rilevante. L’Organizzazione è del Consorzio Montecampione, presidente Paolo Birnbaum, in collaborazione con il Cap. Harry Alberto Monducci e l’interessamento del Comando Marittimo Nord di La Spezia. Alle ore 17.00, al Laghetto, davanti alla Chiesa si è proceduto con l’inaugurazione   del monumento dedicato ai marinai caduti della Vallecamonica e d’Italia durante la prima e la seconda guerra mondiale; in seguito è stata fatta la deposizione della corona in onore dei caduti da parte delle ufficialità presenti tra cui: il Presidente del Consorzio, Paolo Birnbaum; Cap.Harry Alberto Monducci; Sindaco di Pian Camuno, Giorgio Ramazzini; Vice sindaco  di Artogne, Fabio Cantoni; Compagnia Guardia di Finanza di Breno, Cap. Matteo Boarelli prendendo la parola ed esprimendo  ringraziamenti e riconoscimenti. Presenti all’inaugurazione altre importanti autorità civili e militari tra cui: Ammiraglio Alberto Fiorentini; Stazione Carabinieri di Breno; Associazione Marinai d’Italia (A.N.M.I.) delegato regionale Cav. Alberto Lazzari; Gruppo A.N.M.I.  Desenzano del Garda, presidente Primo Maresciallo Domenico Giardinetto; Associazione Nazionale Alpini della Vallecamonica (A.N.A.), presidente Ciro Ballardini, e la partecipazione di Don Simone Caricari della Parrocchia Vissone Montecampione. Con la presenza straordinaria della Fanfara di Presidio del Comando Marittimo Nord che hanno suonato la “Leggenda del Piave” ed il “Silenzio d’Ordinanza” in memoria degli eroi caduti, sono stati regalati momenti di alto livello emotivo. Inedito e spaziale concerto della Fanfara di Presidio del Comando Marittimo Nord e la partecipazione del pubblico presente Dopo gli straordinari successi registrati negli anni precedenti, 2017 e 2019, anche quest’anno Montecampione ha avuto nuovamente l’onore di ospitare la Fanfara di Presidio del Comando Marittimo Nord, in un unico e coinvolgente concerto. Nella Piazzetta, sopra uno palcoscenico bellissimo, i musicisti, impeccabilmente diretti dal Maestro Primo Luogotenente Vito Ventre, insignito nel 2020 dell’onorificenza di “Cavaliere al merito della Repubblica”, con un’esperienza internazionale grandiosa, dal 2006 al 2009 ha rappresentato la Marina Militare e le Forze Armate Italiane presso l’Orchestra Internazionale della NATO di stanza a Mons in Belgio, hanno estasiato il numeroso pubblico presente, regalando intense emozioni, con una esibizione di elevato spessore. La banda ha spaziato dalla musica classica al jazz, dalla musica leggera internazionale fino alla musica da film senza dimenticare gli inni della Marina Militare. Il compito riguardante la presentazione del concerto è stato attribuito alla bellissima e bravissima Irene Abondio, che ha saputo con professionalità e competenza condurre un evento nel suo genere di grande spessore, anzi possiamo dire unico. Prima di lasciar spazio all’esibizione di questo prestigioso complesso strumentale hanno preso la parola gli organizzatori: il presidente del Consorzio Montecampione, Paolo Birbaum e Cap. Harry Alberto Monducci, il quale ha dedicato il concerto al I° aviere Svezio Magrini, nato il 06/09/1915, disperso in mare il 24 gennaio 1942 al largo di Malta. Da parte del Ministero dell’Aeronautica -S.M. Re d’Italia e d’Albania -Imperatore di Etiopia si sono accordati i seguenti titoli: -Croce di Guerra al Valor Militare (Cielo del Mediterraneo giugno-novembre 1940); -Medaglia di Bronzo al Valor Militare (Cielo del Mediterraneo Centrale 24 settembre 1940 -gennaio 1941) -Medaglia d’Argento al Valor Militare (febbraio 1942) La Fanfara di Presidio del Comando Marittimo Nord di La Spezia diretta del grande Maestro Primo Luogotenente Vito Ventre, è riuscita a regalare ai presenti momenti straordinari, emozionanti, commoventi e meravigliosi. E’ l’unica Fanfara d’Italia che inizia il suo concerto con l’Inno Nazionale, proseguendo poi con un repertorio nazionale ed internazionale di altissimo livello. Tra i brani presentati sono stati: “Inno dei Sommergibilisti”, “Oblivion”, “Omaggio a Raffaella Carra” (un medley delle sue famosissime ed indimenticabili canzoni), “Trentatre” (valore alpino), “What a Wonderful World” (Luis Armstrong), “Inno del Battaglione San Marco”, “Somewhere Over the Rainbow”, “Autun Leaves”, “Inno al Battaglione San Marco”, “Playing love”, e come da tradizione il concerto si conclude con la marcia la “Ritirata”, composta dal maestro Tommaso Mario. Eccezionalità nella rappresentazione, professionalità, competenza, sono poche di tante parole che possono descrivere l’evento. Complimenti veramente agli organizzatori del Consorzio Montecampione, agli ospiti d’onore: Fanfara di Presidio del Comando Militare Marittimo Nord di La Spezia, a tutti gli invitati, al pubblico meraviglioso, per averci regalato una emozione così grande! Catalina Mioara Georgescu Sorgente: DUE EVENTI PRESTIGIOSI ED IMPORTANTISSIMI RIUNITI PER REGALARE DELLE VERE EMOZIONI A MONTECAMPIONE (BS) – Il Giornale di ArtesTV   [...] Leggi di più...
18/07/2022Due pennoni, uno accanto all’altro, appena fuori dalla chiesetta di Montecampione, con il tricolore e la bandiera della marina militare.Ai piedi altrettanti cippi dedicati il primo agli alpini e quello più recente ai caduti del mare. Una vicinanza che diventa testimonianza della fratellanza tra truppe alpine e marinai. Una «scenografia» che ha creato un evento unico, e anche molto seguito, nell’estate del villaggio a quota 1.200. L’inaugurazione della seconda lapide è avvenuta sabato pomeriggio, alla presenza della banda di presidio della marina di La Spezia, del sindaco di Piancamuno Giorgio Ramazzini, del vice di Artogne Fabio Cantoni, del presidente del Consorzio dei residenti Paolo Birnbaum, di quello dell’Ana camuna Ciro Ballardini e di tanti cittadini che hanno voluto esserci. «Questo porfido spezzato dedicato ai camuni che hanno perso la vita in mare, con tre sagome di navi militari – ha spiegato il capitano di marina mercantile Harry Monducci, di casa a Montecampione – sono simbolo della forza d’animo degli uomini di mare e di montagna e della loro comune dedizione all’Italia». Se il Silenzio ha emozionato i presenti al momento dello scoprimento del cippo, altrettanto è successo appena dopo in una Piazzetta eccezionalmente gremita, quando l’Inno di Mameli è risuonato in apertura dell’applauditissimo concerto della banda della marina. Quella che si è concretizzata con un nuovo successo di pubblico sabato è stata la terza tappa a Montecampione del gruppo musicale militare. Una presenza che si può dire sia entrata nella tradizione delle manifestazioni estive della stazione turistica, e che va a confermare il comune sentire degli uomini di mare e di montagna. «Da oggi mi si riempirà il cuore nel vedere in questo luogo accanto al pennone degli alpini anche quello della marina», ha aggiunto il capitano Monducci, tramite essenziale per le «missioni» musicali del gruppo di La Spezia, a chiusura dell’evento. Domenico Benzoni Sorgente: Marinai e alpini Ora l’abbraccio è diventato realtà | Bresciaoggi   [...] Leggi di più...
17/07/2022Location alternativa per l’ultima conviviale del Panathlon Club di Vallecamonica, riunitosi alla presenza dei soci presso il campo di Tiro a Volo di Montecampione, ospiti della società – ormai quasi centenaria del Tiro a Volo Lovere, presieduta da Gianpietro Faustinelli. Una serata piuttosto dinamica per il sodalizio guidato da Ottavia Bonino che, complici i consigli dei provetti istruttori, ha potuto anche tastare con mano la disciplina sparando ai piattelli. Un’occasione per far approfondire la storia del Tiro a Volo Lovere, caratterizzata da un marcato interesse per i giovani che, una volta raggiunti buoni livelli, vengono indirizzati verso la più prestigiosa sede di Lonato, dove peraltro insegnano lo stesso presidente e l’istruttore Marco Faustinelli. La serata è stata ulteriormente arricchita dalla presenza di due giovani tiratori della società: Gloria Labemano, che ha conseguito ottimi risultati a livello nazionale e Andrea Capurso, pluricampione regionale e mietitore di podi anche agli eventi tricolori.  Il presidente ha poi voluto ricordare il talento di Samuele Faustinelli, già vincitore di gare internazionali in Kazakistan e Perù con record di 147 piattelli su 150, di Dario Anguissola con due gare europee vinte e di Rachele Amighetti, mondiale ed europeo a squadre. Infine, dopo che sono stati portati a galla i rudimenti principali della disciplina, la conviviale si è conclusa con l’ormai tradizionale consegna del gagliardetto Panathlon da parte del presidente Bonino e del socio Maffeis. A breve, per il sodalizio camuno, l’appuntamento con le conviviali dedicate a ciclismo e canottaggio. Sorgente: +Valli TV – PANATHLON OSPITE A MONTECAMPIONE [...] Leggi di più...

Questa è la pagina 5 con gli articoli pubblicati, guarda anche gli altri sulle pagine: 1 23 4  678»


 

Vi piacerebbe estrarre Bitcoin a costo zero?

Seguite l'orsetto di Montecampione!!!


Cambio in tempo reale su:

Offerto da Investing.com