I ♥ MONTECAMPIONE

Montecampion'è per sempre!

Bici.PRO – Dalla Delio Gallina ecco uno scalatore: è Walter Calzoni

| 0 commenti

Quando Fabio Aru vinse a Montecampione, nel Giro d’Italia del 2014, ai 2 chilometri dall’arrivo c’era anche un ragazzino a fare il tifo. Era Walter Calzoni. Come per molti ragazzi, la sua storia con il ciclismo nasce da bambino. In famiglia nessuno andava in bici, ma un amichetto sì.

Un giorno se ne andò a vedere la corsa rosa lassù. Una stradina di montagna dalla cui cima s’intravede il lembo settentrionale del Lago d’Iseo.

Il Giro arrivava sopra a casa sua, Walter è di Sellero, in piena Val Camonica, e di certo non poteva mancare.

«Come tanti altri ragazzini – racconta Calzoni – ero più interessato alle borracce che alla corsa vera e propria. L’idea era quella che poi le avremmo usate in allenamento». Con la sua biciclettina, Walter si è arrampicato fin quasi all’arrivo. Era andato con lo zio di quel suo amico e con il suo gruppo di cicloamatori.

Ecco l’exploit

Da quel giorno il bresciano ne ha fatta di strada, ha persino indossato la maglia azzurra nel Memorial Pantani dello scorso anno (foto in apertura). Oggi Calzoni è uno dei corridori della Delio Gallina – Ecotek Lucchini Colosio, una delle continental italiane. Al terzo anno da under 23, sembra finalmente la stagione della svolta, quella del salto di qualità.

Ha vinto una gara ed è salito sul podio in un’altra e viaggia costantemente nelle posizioni di vertice.

«Sì, un terzo anno, ma è quasi come fossi al secondo. Nel primo, tra Covid e qualche problema personale, ho corso pochissimo: non sarò arrivato neanche a dieci corse e quasi tutte erano “il circuitino”. L’anno scorso ho faticato un po’ ad inizio stagione, ma poi sono uscito bene dal Giro d’Italia under 23 e da lì ho raccolto qualche risultato».

«Quest’anno un po’ me lo aspettavo di andare forte – spiega Calzoni – Nelle prime corse non ero proprio in condizione. La cercavo andando fuga e aiutando squadra. Poi dopo la corsa a tappe Belgrade Banjluka le cose sono migliorate. Quella gara mi ha dato qualcosa in più e si sono visti i risultati».

In Serbia Calzoni si è portato a casa la maglia bianca di miglior giovane.

Alla Delio Gallina

La Delio Gallina, diretta dal diesse Cesare Turchetti, è un ambiente ideale per crescere. C’è la giusta dose di pressione e il fatto che quest’anno abbiano deciso di diventare continental ha ampliato le prospettive.

«Siamo seguiti bene dalla squadra – dice Calzoni – Qui non ci mettono pressione, semmai siamo un po’ noi stessi che lo facciamo. Andiamo alle gare per vincere. A 20 anni non serve l’allenatore che ti deve mettere pressione. Sei tu che vuoi e devi andare forte».

«La mia motivazione è forte. Adesso gli avversari sanno che posso arrivare davanti, questa cosa mi fa piacere, anche se sono più marcato. Però vincere da marcato vale di più. Se vinci in questo non è perché hai fortuna, non è perché sei riuscito a scappare così “tanto per”, ma perché te la sei meritata. Ed è più soddisfacente insomma».

«Fin da juniores non avevo mai fatto tanti chilometri e quindi anche per questo nelle prime gare ho faticato un bel po’. Poi a forza di uscire tutti giorni e con le gare subisco un po’ meno il ritmo. Per me sono soprattutto i chilometri in allenamento che ti fanno andare meglio in gara. Ne ho fatti sempre di più e l’anno scorso ho chiuso intorno ai 25.000. Quest’anno sono sui 9.000 per adesso».

L’equilibrio però è importante e adesso che si viaggia nel pieno della stagione quegli allenamenti a casa di cui parla Calzoni non sono molto intensi. La condizione si mantiene e si migliora con le corse.

«Prima e dopo le gare faccio un’ora e mezza di scarico, al massimo due. E visto che si corre sia il sabato che domenica faccio una distanza a settimana, non di più. Lo stesso vale per i lavori intensi: in questa fase della stagione sono pochi».

Scalatore dentro

Di solito chi vince tra gli under 23 è sempre un atleta veloce. La maggior parte di quelli che abbiamo intervistato ci hanno detto di essere corridori dallo spunto veloce, ma che tengono bene sulle salite brevi.

Calzoni no: lui, con i suoi 64 chili spalmati su 172 centimetri di altezza si definisce uno scalatore. Le “misure” da grimpeur ce le ha quindi.

«Mi trovo a mio agio sui percorsi duri e selettivi. L’anno scorso ho fatto bene nella tappa di Piancavallo al Giro del Friuli. Lì ho capito che posso tenere anche sulle salite abbastanza lunghe e per questo spero di fare bene al Giro d’Italia U23. Lo scorso anno ho faticato un po’, però vediamo cosa riserverà questa corsa. Io vado per vincere una tappa, o almeno mi piacerebbe. Ma vediamo come passeranno le giornate e vedremo eventualmente se si potrà tenere duro anche per la classifica».

«Per quanto riguarda il peso qualcosa posso perdere ancora. Un po’ perché lo voglio e un po’ perché col caldo ci si asciuga un filino. E poi serve per andare forte in salita! Oggi se non sei al top è difficile stare davanti… anche tra gli under 23».

Filippo Lorenzon

Altre informazioni ed immagini al linkdella sorgente: Dalla Delio Gallina ecco uno scalatore: è Walter Calzoni – bici.PRO


 

Bitcoin, Ethereum

Vi piacerebbe possederne oppure, se li avete già, aumentarne la quantità?

Per informazioni più approfondite

Oppure scrivete a info@adc.it

Cambio in tempo reale su:

Offerto da Investing.com

Lascia un commento