I ♥ MONTECAMPIONE

Montecampion'è per sempre!

Bresciaoggi – L’alta valle si scopre in e-bike A Bovegno c’è un altro noleggio

| 0 commenti

Biciclette elettriche e iniziativa privata avanzano insieme sul terreno della promozione turistica dell’alta Valtrompia. Lo dimostra anche lo chalet messo all’asta dal Comune di Bovegno è preso in carico dalla società «Dosso Alto», che ora lo utilizzerà come infopoint per i turisti e, appunto, come nuovo sito per il noleggio delle e-bike. È una mossa importante quella fatta dal direttivo della società, che oggi vanta tre punti di noleggio: al Maniva, come detto a Bovegno e a Brescia. Intanto, per aprire la stagione per domani è stata organizzata la «Pedalata in compagnia», una non competitiva aperta alle mountain bike tradizionali e con pedalata assistita. «Quello chalet all’ingresso del paese era chiuso da 30 anni. Finalmente siamo riusciti a riaprirlo – commenta il sindaco Manolo Rossini -. Nel frattempo è stato sistemato internamente e esternamente». La Dosso Alto si è occupata di tutti i lavori, compresa l’installazione delle postazioni di noleggio delle e-bike, mentre la parte esterna è stata sistemata dal Comune con aiuole, parcheggio, fontana, marciapiede in porfido e un punto per il lavaggio delle bici. «Come previsto dal bando, i gestori del chiosco oltre a noleggiare saranno un punto di riferimento per i turisti – prosegue il sindaco -. A giorni dovrebbe aprire un altro noleggio di biciclette: significa che l’idea di mettere Bovegno sulla strada del rilancio in chiave green sta dando i frutti sperati. Ora speriamo che la stagione parta». Il piano della Dosso Alto prevede anche l’apertura di un nuovo noleggio nella media valle, ma già quelli del Maniva, di Bovegno e Brescia sono coordinati tra loro. «Devono essere visti come punti di appoggio per la promozione del territorio – sottolinea il responsabile della rete Luca Benetton, affiancato a Bovegno da Nicola Mabesolani -. In tre spazi abbiamo a disposizione 70 mezzi tra city bike, mountain bike e bici da strada, tutte con pedalata assistita». Le due ruote possono essere prese a noleggio a Brescia e riconsegnate in valle, o viceversa; e c’è anche un furgone per la consegna e il ritiro a domicilio. «Chi arriva in treno da fuori provincia – continua Benetton – può decidere di prendere una nostra bici in città per salire in un agriturismo in valle o mangiare in un ristorante convenzionato in Franciacorta». Per questa stagione non si potrà invece approfittare delle novità previste dalla società Bovegno impianti, acquistata a dicembre scorso dalla «Monte p», per il rilancio della località Prati Magri. «Abbiamo definito la vendita e ripristinato la società che si occuperà della promozione degli itinerari in montagna – spiega il referente Devis Biena -. Abbiamo fatto un accordo con il Comune di Bovegno per tutelare l’alpeggio, i pascoli e l’attività venatoria. Per il resto è tutto un work in progress». Nel frattempo, come dicevamo, domani l’escursionismo su due ruote si metterà in moto con una prima gita organizzata dal Bike club Bovegno col patrocinio del Comune. «Partiremo da Bovegno per salire a Pezzaze e al colle di San Zeno – racconta il sindaco che è uno dei 35 partecipanti -, e dopo il pranzo nell’agriturismo Chichimela scenderemo da Montecampione». Un’ultima nota per chi ha in programma un giro da queste parti: oggi alle 8 verrà riaperto il tratto dalla provinciale 345 delle Tre Valli dal rifugio Bonardi al chilometro 65, sui territori di Collio, Bagolino, Breno e Bienno. Rimane invece chiusa per manutenzione la sp 669 che sale al Gaver.

Sorgente: L’alta valle si scopre in e-bike A Bovegno c’è un altro noleggio

Lascia un commento