I ♥ MONTECAMPIONE

Montecampion'è per sempre!

Bresciaoggi – Montecampione, il rilancio investe su 13 milioni di euro

| 0 commenti

L’estate è bollente e gli impianti di risalita sono chiusi, ma le scadenze legate alla revisione delle seggiovie di Montecampione non sottostanno ai cambiamenti climatici o alle sospensioni d’esercizio. Anzi, queste ultime diventano utili per fare manutenzione. E così Montecampione Ski area, se vuole guardare al futuro con una certa tranquillità, deve pensare al necessario per poter garantire la prossima stagione sciistica. È già in archivio l’approvazione del regolamento di esercizio che riserva attenzione alla specificità dell’impianto e al piano di evacuazione riferito alla quadriposto ad agganciamento automatico Preottone-Monte Corniolo, alla Plan-Baite, alla triposto Plan-Larice e alla biposto Val Maione-Dosso rotondo. Il via libera lo ha dato la Comunità montana di Valcamonica, che ha in atto con le comunità del Garda bresciano, del Sebino bresciano, della Val di Scalve, della Valtrompia, della Valsabbia e dell’alto Garda un protocollo d’intesa per l’espletamento delle funzioni tecnico amministrative riguardanti gli impianti di risalita. L’avallo è arrivato ovviamente dopo che il ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti, nel maggio del 2021, aveva rilasciato il proprio nulla osta tecnico ai fini della sicurezza sul regolamento di esercizio di ogni singolo impianto. E adesso si va avanti: Msa deve ottenere la proroga della revisione generale della seggiovia principale, la Preottone-Monte Corniolo, costruita nel 1971, rifatta nel 2002 e revisionata nel 2012, e per questo ha presentato anche una richiesta di contributo al Comune di Pian Camuno. La risposta? L’amministrazione ha accolto la richiesta e deciso di versare 500 euro. Un piccolo aiuto che si dovrebbe aggiungere ad altri proprio per dare una mano alla società degli impianti, che non sembra vivere il suo momento migliore. Ma la novità più importante è quella che sta per maturare: domani il presidente della Regione Attilio Fontana sarà al Plan per firmare ufficialmente con i sindaci coinvolti (di Darfo, Artogne, Pian Camuno, Gianico e Rogno) il Patto territoriale per lo sviluppo strategico integrato di Montecampione, che prevede l’investimento da parte di Regione, Comunità montana e Artogne (il 57% a carico della Regione, il 43% degli altri due enti) di 13 milioni e 165mila euro per rifare gli impianti del Longarino, Secondino e Beccherie in prossima «scadenza». Impianti che dopo l’operazione dovrebbero passare alla gestione del Comune di Artogne, e finire in un project financing tutto da definire per la futura

Domenico Benzoni

Sorgente: Montecampione, il rilancio investe su 13 milioni di euro | Bresciaoggi


 

Anche a Montecampione è possibile richiedere una consulenza gratuita a riguardo del mondo dell'estrazione di BITCOIN

NOTRADING


Cambio in tempo reale su:

Offerto da Investing.com

Lascia un commento